Oltre 300 stranieri hanno provato a rientrare al live del 5-6-7 luglio.

Il rapporto storico con l’estero di Napoli

Napoli ha sempre mantenuto un legame saldo con il mondo estero, un rapporto che si intreccia con la sua storia millenaria e la sua posizione geografica strategica. Dai tempi dell’antica Grecia fino ai giorni nostri, Napoli ha visto una costante interazione con culture, persone e idee provenienti da ogni angolo del globo.

Ma il legame di Napoli con l’estero va oltre la sua storia antica.

Oggi, la città continua a essere un crocevia di culture e tradizioni, attrattiva per turisti provenienti da tutto il mondo. Negli ultimi anni, il flusso turistico straniero a Napoli è stato costantemente in aumento, con numeri impressionanti che testimoniano l’appeal universale della città. Secondo i dati forniti dall’ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica), il numero di turisti stranieri che hanno visitato Napoli negli ultimi cinque anni ha registrato un incremento significativo.

Nel 2019, la città ha accolto più di 2 milioni di turisti stranieri, segnando un aumento del 15% rispetto all’anno precedente.

UBL | The Italian Championship guarda all’estero con 300 iscritti stranieri

Questo trend si riflette anche nel mondo dello sport e nel CrossFit® con UBL | The Italian Championship che quest’anno, alla sua terza edizione, è cresciuta come pochi verso il panorama estero attirando già nelle iscrizioni 302 atleti stranieri su 1013 totali.

Un cambio di passo se confrontato con le due scorse edizioni dove praticamente il 98% degli iscritti proveniva dal Bel Paese.

Cambio di passo che si conferma anche dal numero generale degli iscritti, più che raddoppiati da un anno con l’altro (490 nel 2023) che dimostra quante persone da tutta Italia, e non solo, vogliano calcare il floor della UBL | The Italian Championship.

Qualche dato

Un numero maggiore di iscritti, in questo caso, si traduce in un aumento degli slot disponibili per le finali in quanto il 5-6-7 luglio la Mostra d’Oltremare accoglierà ben 546 atleti rispetto ai 350 dello scorso anno, un numero che catapulta da gara di Napoli tra le più partecipate d’Italia e punto di riferimento definitivo per il CrossFit del Sud Italia tra i Licensed Events e non.

Avere così tanti posti disponibili in più non significa che rientrare nella finale sarà più facile dello scorso anno in quanto anche il livello generale degli atleti si è ulteriormente alzato. Prevedibile ma non necessariamente scontato. Lo spettacolo sicuramente non mancherà.

Gli organizzatori già alla fine della scorsa edizione, dove eravamo presenti come magazine accreditato (e ovviamente replicheremo anche quest’anno) ci dissero della loro volontà di far conoscere e aprire l’evento quanto più possibile all’estero convinti di poter fare ancora meglio per poter dare all’atleta quell’esperienza che spesso si ritrova nelle più importanti gare Europee. Il confronto come sappiamo non è mai semplice per via di mille ostacoli che si incontrano sul cammino critico: burocrazia, e alti costi sono solo due degli elementi che più incidono.

Ad iscrizioni chiuse, il primo traguardo è stato comunque centrato, raccogliendo 302 iscritti stranieri, praticamente quasi il 30% rispetto al totale.

I Paesi rappresentati sono veramente eterogenei e Napoli è pronta ad accogliere atleti di CrossFit® da ogni parte del mondo: parliamo di 40 Stati differenti (includendo anche l’Italia).

La top 10, escludendo l’Italia, è rappresentata da questi Stati.

  • SPAGNA              45
  • REGNO UNITO  39
  • GERMANIA        29
  • MALTA                 25
  • POLONIA            24
  • GRECIA                20
  • PAESI BASSI       15
  • FRANCIA             12
  • SVIZZERA            12
  • AUSTRIA             10

Le principali novità che vedremo durante i live

Questa terza edizione, che si svolge dal 5 al 7 luglio, vedrà delle importanti novità rispetto allo scorso anno:

  • Campo gara al coperto climatizzato (padiglione 5) per la maggior parte degli eventi in programma utilizzando gli ampi padiglioni della Fiera d’Oltreamare
  • Setting del floor principale secondo canoni “unconventional” (prossimamente scopriremo di cosa si tratta)
  • Ampia area warm up anch’essa climatizzata (padiglione 4)
  • Area ristoro e Vendor Village al padiglione 5 sempre al coperto
  • Confermato un secondo campo per almeno un workout

Last but not least, gli organizzatori ci fanno già sapere che i campi gara in alcuni momenti viaggeranno in contemporanea per un coinvolgimento massimo del pubblico che potrà scegliere cosa vedere oltre che per necessità visto l’alto numero di atleti presenti ai live.

E così, mentre gli atleti attendono le review dei loro wod di qualifica, la città di Napoli continua a essere un punto di incontro tra passato e presente, tra tradizione e innovazione, dimostrando ancora una volta che il suo cuore batte al ritmo di un mondo in costante evoluzione anche per il mondo del CrossFit® italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *