Gianluca Stitzer ritorna al CrossFit® competitivo dopo un infortunio e due anni di stop

Terme di Fiuggi: penseresti all’acqua e invece stiamo parlando, ovviamente, di CrossFit®.

L’October Challenge si volge qui, una gara che è ormai alla quarta edizione e che ha raggiunto velocemente una dimensione nazionale.
Gianluca Stitzer non lo sapeva, ma non per colpa della gara in se: è che lui è proprio dal 2019 che è fuori dal circuito, da quel maledetto PR (Personal Record) di Squat Clean che gli ha rotto i polsi. Un calvario che da vivere è stato infinito, scandito dalla paura di non recuperare più la mobilità e dalla perseveranza di volercela fare.

LA VITA DA ATLETA DI GIANLUCA

Una vita da atleta al massimo, quella del ragazzo cresciuto sul ring della kick boxing, abituato fin dagli 11 anni a lottare e sudare, sudare e lottare, senza lasciare nulla indietro.

E’ oro europeo Junior con un bronzo all’ultimo mondiale disputato prima del ritiro. A 24 anni Gianluca ha deciso che era giunta l’ora di smettere di prendere e dare botte.
Nell’ultimo anno aveva imparato a conoscere il CrossFit®, e forse quella poteva essere la strada giusta: il
motore era ormai formidabile, ma c’era un mondo da scoprire con ginnastica e pesistica.

Andando così forte, poi, non c’era bisogno di troppo studio sul resto: dove non arrivavano la forza o la tecnica compensavano sempre i polmoni, la vita disciplinata da un carattere forte e dalla vita militare, la passione per l’allenamento.

Si allenava da solo, perché era sempre in giro, e comunque dominava le gare.

DALLA KICK BOXING AL CROSSFIT® E’ POSSIBILE?

Il 2019 dicevamo: l’infortunio terribile, che lo ha allontanato dalle gare e dalla sua passione per due
lunghissimi anni, prima ancora che il Covid potesse fare i suoi danni.

Pic Credits: @thephotograph84

Da Gennaio 2022, il ritorno alla vita: di nuovo in forma, di nuovo (quasi, ci sta lavorando) al livello cui era abituato, anche se in realtà è un atleta completamente nuovo. Sì, perché non poter usare i polsi, o avere una mobilità limitata, ti costringe a rimettere in gioco ogni movimento, a ripensare ogni standard, a riorganizzarsi.

Il motore non basta più, e stare soli non è più una soluzione percorribile. L’ha aiutato sua moglie, Noemi Filippazzo: viene dalla ginnastica e gli ha cambiato completamente l’approccio a queste skill, e ora stanno lavorando sulla pesistica (lei è atleta nazionale in questa disciplina).

E poi CrossFit® Ardesia, a Bari, proprio di fronte alla caserma e perfetta per chi ama allenarsi e vuole anche spazio per fare l’atleta.

Un’altra vita, letteralmente, ma di nuovo al massimo, come piace a Gianluca.
Allenarsi con vicino persone che ti seguono personalmente, con cui lavorare insieme, con cui scambiarsi
ogni giorno pareri su come cambiare e come crescere: è questa la sua nuova filosofia, che non ha mai
creduto nelle programmazioni miracolose ma solo nel lavoro, giorno per giorno, costante, instancabile.

  • Dopo due anni ha trovato il mondo del CrossFit® italiano cambiato ancora più di quanto non sia cambiato lui, cresciuto, maturato, e i portabandiera di questo cambiamento sono due atleti (Enrico e Elisa) che hanno conquistato il mondo con quella cultura del lavoro fianco a fianco col coach che lui oggi ritiene la vera chiave del professionismo.
  • Cultura del lavoro che gli viene riconosciuta anche dai suoi sponsor, Blor e Yamamoto, che da sempre lo sostengono e lo apprezzano: con Gianluca basta stringersi la mano, e le cose funzionano.

LA SUA OCTOBER CHALLENGE E I SUOI PROSSIMI APPUNTAMENTI

La October Challenge è stata una tappa importante di quest’anno, di resurrezione: non la conosceva ed è
rimasto piacevolmente sorpreso.

Qualifiche gestite bene, organizzazione fatta bene, ma soprattutto i workout: completi, totali, impegnativi sotto ogni aspetto fisico, non una di quelle gare in cui esci distrutto in qualcosa e fresco in altre parti del corpo.

E poi la soddisfazione di chiudere il miglior piazzamento proprio sulla ginnastica, nel terzo workout:

  • 10 hspu
  • 100 double under
  • 10 ring muscle up, cui al secondo giro si aggiungevano 10 ring dip e ancora al terzo 10 toes to ring. Secondo, e poi quinto in generale.


A dicembre lo ritroveremo a Fall Series Throwdown e poi… iniziano gli Open, e si punta alle Semifinals.

Attenzione ragazzi, Gianluca Stitzer è tornato.


Foto di Gianluca all’October Challenge 2022 – Foto Courtesy Stefano Ottonelli (@thephotopraph84)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.