Come si prepara un atleta di CrossFit® per uno degli eventi più importanti della stagione?

A CrossFit Rovigo sabato 30 aprile arrivano circa 30 atleti da quasi tutta Italia, e non solo, per prendere parte ad una 2 giorni di full immersion in preparazione dei CrossFit® Semifinals.

Due gli atleti presenti al Camp che avranno l’onore, ma anche il compito, di partecipare all’ultima fase che decreterà chi potrà accedere ai prossimi CrossFit® Games di Agosto a Madison (USA). Parliamo di:

  • Valentina Magalotti
  • Luka Vunjak

Cosa accomunano Valentina e Luka oltre ad essere due atleti Elite che andranno a CrossFit Lowlands Throwdown il 20-21 e 22 maggio? Entrambi fanno parte di Black Samba Training Program (di cui anche altri atleti di prim’ordine ne fanno parte come Martina Forino) una community creata da Yuri Elena, con headquarter CrossFit Minus (Roma), che propone una programmazione specifica per atleti competitor ma anche per crossfitter che vogliono semplicemente migliorare il proprio livello di fitness non disdegnando la partecipazione a qualche gara.

Rivedi la chiacchierata di approfondimento nel precedente #29 VideoPodcast

Il Camp è organizzato in ogni dettaglio, time line specifica, approfondimenti pratici e teorici ed è, tra l’altro, occasione unica per chi segue la programmazione disegnata da Black Samba per ritrovarsi fisicamente in un momento di confronto e di aggregazione nel perfetto stile CrossFit®. In una parola sola: Community.

Praticamente tutto in doppia lingua, italiano ed inglese, dalle spiegazioni dei workout ai debriefing per far comprendere anche a chi non parla italiano i concetti chiave.

Padroni di casa i ragazzi di CrossFit Rovigo e Gianni Guglielmo con la doppia veste di owner e partecipante attivo al Seminario. Gli atleti arrivano la mattina presto e vengono accolti in un box veramente bellissimo e in grado di ospitare eventi di questo tipo data la grandezza della location.

L’opportunità è ghiotta: per tutti c’è la possibilità di essere seguiti, corretti dai coach con briefing e debriefing post workout personalizzati. Il tutto assieme a chi le Semifinali le farà veramente, stessi workout, stesso impegno e stessa modalità di lavoro.

Veniamo ai work out del primo giorno:

Nella nostra pagina Intagram alla sezione IGTV trovate disponibile per la visione tutto il workout 2 che è stato trasmesso anche live.

In totale i wod sono tre al giorno, un numero non banale da effettuare in 48h. Questo proprio per testare la capacità di gestire lavori impegnativi simulando una condizione di stress che molto si avvicina a quella che possiamo ritrovare in una classica competizione. Ogni allenamento è diviso in due o tre heat al massimo per permettere a tutti quanti di essere seguiti e di lavorare secondo logiche da gara anche per quanto riguarda il floor. Per ogni workout è stato studiato anche il flow da seguire e in quasi tutti, il wod non termina mai da dove è iniziato; avanzamenti ad ogni set/rep esattamente come in gara.

I partecipanti al Seminario nel primo giorno hanno poi avuto modo di confrontarsi in una sessione teorica tenuta da Antonio Squillante collegato in diretta streaming dagli Stati Uniti.  

Antonio è un preparatore atletico, Docente e Ricercatore Universitario impegnato nel campo del sollevamento pesi olimpico e nell’atletica leggera, con particolare esperienza nelle applicazioni dello strappo, girata, slancio e nell’allenamento della forza oltre che Tecnico in vari settori giovanili e professionistici sportivi. E’ di fatto considerato uno dei maggiori esperti nell’applicazione della forza in allenamenti misti e multimodali, cosa che si sposa perfettamente con il CrossFit®.

Con lui si è approfondito il tema del c.d. Concurrent training fornendo concetti applicabili da subito per uno sviluppo della forza che sia coerente con i lavori aerobici che il CrossFit® impone e soprattutto efficace per massimizzarne i risultati senza interferire lo sviluppo di una capacità aerobica adeguata.

La cosa bella di un Training Camp di questo tipo sono i momenti di condivisione e di analisi teorica.

Facile organizzare una giornata (o due) dove si buttano dentro allenamenti a bomba per far contenti un po’ tutti.

  • Diverso invece è allenarsi concentrandosi sul “come” e mantenendo alto il livello di approfondimento per ogni aspetto all’interno di una specifica sessione o workout.
  • Diverso è abbianare pratica a momenti di teoria che possono essere utili a tutti
  • Diverso è riuscire a comunicare con tutti, anche con chi non parla italiano. Uno sforzo in più richiesto quello di tradurre sempre i concetti chiave.
  • Diverso, infine, è avere l’opportunità di ricevere feedback costanti e personalizzati, non solo dai coach, ma anche dagli atleti più esperti di te. Quelli che faranno il doppio delle rep con il doppio dei chili sul bilancere e che andranno ad Amsterdam per le Semifinals.

Tutte cose che ritroviamo in questi giorni. E chi ha deciso di partecipare al Seminario, è li con loro, a fare esattamente quello che fanno loro, a seguire i consigli che esattamente cercheranno di applicare anche in gara.

Più passano le ore e più la curva di apprendimento sale esponenzialmente, anche in relazione alla stanchezza che ovviamente che si fa sentire. Quella sana, unita al divertimento, che non manca mai in questo sport.

Si finisce alle 18.30, pronti per una meritata cena tutti assieme e per affrontare un secondo giorno ugualmente impegnativo

I WORK OUT DEL GIORNO 2

Si ritorna a CrossFit® Rovigo alle ore 9.30 per ricominciare con i seguenti workout:

Nella nostra pagina IGTV trovate l’interno workout 4 trasmesso live domenica 1 maggio.

Come si potrà notare, a titolo di esempio, i pesi degli snatch nel wod 5 sono suddivisi in varie categorie, con la possibilità di scalare ancora maggiormente il peso in caso di necessità. Questo è il leit motiv ovviamente del Seminario a cui potevano partecipare atleti di ogni livello pur non avendo a disposizione nel proprio bagaglio tecnico o di forza determinate skills o carichi.

La sessione teorica del giorno 2 si caratterizza nell’intervento di Yuri ElenaSynergies: breakdown on what defines a skill“. In sostanza il gruppo è chiamato ad analizzare assieme alcuni aspetti che caratterizzano la percezione spazio-tempo nella performance per creare maggiore efficienza nei movimenti sia durante tutto un workout, sia durante ogni singolo movimento o rep. Vengono anche presi degli esempi reali su atleti che hanno partecipato ai Games andando a vedere nello specifico video che esplicano nella pratica i concetti teorici esposti. Anticipare nella propria testa i movimenti creando un proprio workflow mentale, esattamente come fanno i campioni di atletica leggera o come fa un play-maker in una partita di basket o di calcio, usando la testa e la tecnica a propria disposizione.

La tecnica non è essere capaci di palleggiare mille volte. Tutti lo possono imparare per andare al circo. La tecnica è passare il pallone a un tocco, con la giusta velocità, sul piede corretto del compagno. Johan Cruijff

CHIACCHIERATE FINALI

Poi con molti di loro abbiamo scambiato quattro chiacchiere su varie cose e confrontati su argomenti specifici tra un allenamento e l’altro.

Abbiamo riaffrontato con Valentina le motivazioni per cui, in prima battuta, non sarebbe passata alla fase successiva (prossimamente un approfondimento).

Abbiamo scoperto che è Chiara (la sorella) la musa ispiratrice di Valentina sul CrossFit®. Questo ed altro in qualche spezzone video che uscirà prossimamente sul nostro canale YouTube. Iscriviti qui per rimanere sempre aggiornato

Ma soprattutto abbiamo capito:

  • che qualcuno brevetti un Top apposito per fare i Chest2Bar per le ragazze prima che lo faccia Elon Musk!
  • la pizza di Belgrado è migliore di quella italiana (Luka Vunjak docet)
  • la skill “mangiare il Poké con le bacchette” la possono mettere solo all’ultimo giorno dei CrossFit® Games, prima sarebbe da incoscienti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.