Concluso il penultimo atto di qualifica ai Games per gli atleti Age Group Division

C’è un’età migliore per partecipare ai CrossFit® Games, o a qualunque altro “mondiale” di una qualunque disciplina?

Ovviamente no! Anzi, spesso ad ogni età corrisponde una grande soddisfazione: quando sei un teenager c’è il gusto della scoperta, nella piena maturità fisica c’è l’orgoglio e il desiderio di essere il migliore, al passare degli anni c’è la soddisfazione di raggiungere certi traguardi che, anno dopo anno, sempre meno persone al mondo possono permettersi.

È forse proprio questa consapevolezza che fa della categoria Master quella più “felice”, perché meno stressata, più consapevole e capace di godersi a pieno ogni singolo momento della competizione.

Lo scorso fine settimana si sono svolti i quarti di finale dei CrossFit® Games Master Athlete 2022: andiamo a vedere cosa è successo e come si sono comportati i nostri portabandiera.

QUALCHE RISULTATO IN DETTAGLIO

Intanto le categorie, uguali al maschile e femminile:

  • 35-39, ovvero dai 35 ai 39 anni
  • 40-44 ovvero dai 40 ai 44
  • 45-49, 50-54, e così via fino ai 65+ che includono tutti coloro che vogliono competere e sono oltre i 65 anni.

Passano i primi 30 per categoria di età, senza distinzione per continente.

games.crossfit.com

I Semifinals saranno poi ancora on-line (quelle degli Individuals sono dal vivo). Diciamo subito che la prima categoria è, di fatto, una costola degli Individuals, con tanti atleti che fino a pochi mesi fa furoreggiavano sui campi gara più competitivi.

Papadopulos @WZA

Sono quasi tutti americani: dobbiamo scendere all’ottava posizione per trovare due europei, per altro appaiati, il greco Papadopoulos e lo spagnolo Jimenez, vecchie volpi del floor che abbiamo spesso visto nelle competizioni Elite. Primo fra gli italiani Tiziano Corriga, ottantaduesimo, un ottimo piazzamento considerando il livello della categoria. Un po’ più Europea la classifica donne, dove la prima è Aneta Tucker, Ceca, e scorrendo la graduatoria troviamo anche tante altre ragazze “nostrane”. La prima delle italiane è Serena Bonacina, 235.

Nella categoria Men 40-44, abbiamo addirittura 5 soli europei fra i qualificati, primo dei quali però è Alexandre Jolivet, francese giunto terzo in generale e con buone carte per essere competitivo fino alla fine.

Grande rammarico per Alessandro Chiarolanza, giunto 37 a pochissimi passi dalla qualifica: forse ha patito il wod 4 (1 back squat, 1 press, 1 deadlift), peccato davvero. Altri quattro i nostri atleti nei primi 100: Palmiro Marafioti (47), Giuseppe Girelli (48), Michele Gardini (59), Giuseppe Dicarlo (84). Fra le donne, finalmente, non solo tante europee qualificate: quinta in generale è infatti la nostra Giulia Roggio, che non vediamo l’ora di vedere competere, e che ha messo dietro anche un’atleta del calibro di Samantha Briggs, giunta sesta. Giulia è la prima delle nostre qualificate, ma anche altre ragazze sono andate non così distante dal grande risultato: Cristina Mainetti (61) e Denisa Zancaner (79) sono rimaste fra le prime 100, dimostrando di essere super competitive.

Categoria 45+: eccoci qui! Giulio Silvino quarto (ma non doveva prendersi un anno sabbatico? Così aveva detto a noi e così conferma!) e Antonio Sala quindicesimo confermano tutte le aspettative che c’erano su di loro e volano in carrozza alle semifinali. Graziano Molaschi, trentottesimo, è l’altro dei tre atleti italiani nei primi 100.

Marina Novelli

E fra le donne?? Beh, alla posizione numero due chi se non Marina Novelli, una delle migliori amiche di noi Dummies, nonché una delle nostre atlete di riferimento. Per inciso, è anche l’unica delle nostre che ha anche vinto (non uno, bensì due!!) workout. Non la lascia sola Monica Marigliano, ottima diciassettesima, sarà contenta la community di CrossFit Bicocca, mentre Barbara Macaluso (60), Valentina Belotti (77) e Valentina Bisogno (88) dimostrano che il nostro livello, in questa categoria, è di tutto rispetto.

Non è finita qui, scorriamo le altre categorie e continuiamo a trovare uomini e donne italiani che hanno saputo primeggiare in questa splendida competizione:

  • Antonio Boldrini si è qualificato ventinovesimo nella categoria Men 55-59
  • Emanuela Scarpelli ventiseiesima stessa categoria donne
  • Gerardo Schiatti diciassettesimo Men 60-64
  • Susanne Olvback ventesima nella Women 60-64
  • Tommaso Artale ventottesimo nella Men 65+
  • e infine Piera Limito venticinquesima nella 65+.
Antonio Boldrini e Rich Froning @crossfitgames21

IL VIAGGIO CONTINUA ANCORA…

Possiamo dire con orgoglio di aver piazzato qualificati in quasi tutte le categorie: il nostro livello di elite fitness si sta davvero sviluppando in modo stupendo. Non vogliamo allungare il brodo, ma non abbiamo solo qualificati, e secondo noi vale la pena citare tutti i nostri ragazzi che hanno saputo tenere alto il tricolore: Italo Trentonzi (Men 50+, 79), Roberto Castriota Skandeberg, Mario Demontis e Francesco Gamberini (Men 55+, rispettivamente 56, 60, 71), GP Piccoli (Men 60+, 73) e Cesare Busini (Men 65+, 77).

Davvero, complimenti a tutti!

Disclaimer: la classifica non essendo consolidata, può subire dei cambiamenti non riportati nell’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.